Tra spiritualità e natura

 

"Il silenzio è indispensabile per rigenerare la mente" 

 

In silenzio e slow #tiportoqui a 1272 mt, ai piedi del Porrara con lo sguardo rivolto alla Majella che si perde nel Mare Adriatico alla scoperta del'Eremo Celestiniano Madonna dell' Altare.

 

sentiero del silenzio

 

Alcune testimonianze rendono certa la costruzione da parte dei celestiniani intorno al 1300, per tramandare ai posteri la memoria della prima residenza eremitica del loro fondatore Pietro da Morrone, futuro Papa Celestino V.  

Pietro Angeleri, questo era il nome di battesimo di Celestino Vnacque nel 1215 e, nonostante la giovane età, nel 1234 divenne sacerdote a Roma, dopo aver trascorso alcuni anni nel monastero benedettino di Santa Maria in Faifoli. Decise subito di vivere la propria fede in eremitaggio e si rifugiò sul monte Morrone, prendendo il nome di Fra Pietro del Morrone e diventando uno degli eremiti più celebri di tutti i tempi nel paesaggio religioso e spirituale della Majella e dell’intero Abruzzo. 

104412638_3162117997142428_2066005870412251097_o

"Raggiunta la Majella, si ferma in una grotta ed inizia la vita eremitica vera e propria. I primi segni di tentazioni e i primi segni celesti. La paura del buio e la compagnia degli Angeli.
La gente nota la straordinarietà di quella presenza e inizia a cercare Frate Pietro, tutti vogliono parlargli, tutti vogliono conoscerlo. L' ammirazione è crescente, tanti vorrebbero confessarsi da lui, ma Pietro, per la sua propensione all' umiltà, aveva deciso di non accedere alla dignità sacerdotale. Furono proprio quelli di Palena e del circondario a pregarlo e a convincerlo a diventare sacerdote". Così scrive Padre Quirino Salomone in " Celestino della gente".
 
In una natura intensa a tratti poetica vivrai non un semplice viaggio ma una vera esperienza della mente e dell'anima. Passo dopo passo potrai ripercorrere il vissuto storico; lungo il sentiero che conduce alla grotte la regola da seguire sarà quella del silenzio e non sarà insolito incontrare qualche animale selvatico o ammirare un'alba radiosa. 
 
105936472_3178293782191516_7030212668747322112_o
 
Il  sentiero è facile ed è adatto a famiglie ed appassionati; il tempo di percorrenza è di circa 30 minuti. 
Il percorso, ad anello,  è ben segnalato ed è presente un' area pic-nic dove poter sostare per ristorarsi e trascorrere del tempo giocando e rilassandosi. 
 
Concediti un'esperienza indimenticabile in un luogo infinito sospeso tra terra e cielo!
 

Contattaci